Sabato 16 giugno alle ore 17.30 nella sala Atelier dell'Urban Center Geert Lovink presenta il suo ultimo libro "Ossessioni collettive. Critica dei social media".

Pungente e acuto, senza essere pessimista, il suo percorso innovativo offre una critica delle strutture politiche e del potere incorporati nelle tecnologie che modellano la nostra vita quotidiana – a partire dal social network più seguito, Facebook. Analizzando criticamente motori di ricerca, video online, blog, radio digitale, mediattivismo e Wikileaks, Geert Lovink esamina l’ossessione collettiva per l’identità e l’autoreferenzialità coniugati con la frammentazione e il sovraccarico di informazione dell’odierna cultura online. Una riflessione più che necessaria e un forte messaggio a tutti gli utenti della Rete: liberiamo le nostre capacità critiche e cerchiamo di influenzare tecnologia e spazi di lavoro, o saremo destinati a scomparire nel magma di Internet.
Geert Lovink è fondatore e direttore dell’Institute of Network Cultures dell’Università di Amsterdam e uno dei massimi studiosi di nuovi media e Internet. Tra i suoi libri precedenti, "My First Recession" e "Zero Comments".

:: Geert Lovink: leggi la sua biografia

Appuntamento sabato 16 giugno 2012 alle ore 17.30 nella sala Atelier dell'Urban Center. Partecipano Nicola Bruno e Bernardo Parrella, traduttore del volume. Seguirà un dibattito con il pubblico sugli argomenti sollevati. Ingresso libero

Iniziativa promossa in collaborazione con Iperbole 2020.

 

 

 

 

 

 


 

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.