2022 CONCORSO MUBA BANNER FIU

Museo dei bambini e delle bambine

Grazie a un investimento di oltre 3 milioni e seicentomila euro - con risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) - il Comune di Bologna intende realizzare al Pilastro un Museo dei bambini e delle bambine: un nuovo polo culturale di rilevanza nazionale, dedicato all’educazione, alla conoscenza e allo svago, rivolto ai bambini da 0 a 12 anni.

Il nuovo Museo è oggetto di un Concorso di progettazione internazionale promosso dal Comune insieme all’Ordine degli Architetti e aperto dall’1 novembre al 12 dicembre 2022.
» Tutte le informazioni sul Concorso

Il nuovo polo sorgerà all’interno del parco Mauro Mitilini, Andrea Moneta, Otello Stefanini, in prossimità e in diretta relazione con la Biblioteca Spina e la Casa Gialla, che già rappresentano un importante punto di aggregazione giovanile nel quartiere, e vicino alla futura fermata della linea rossa del tram, di prossima realizzazione.

Affinché il progetto sia il più rispondente possibile ai bisogni, alle caratteristiche e alle priorità del territorio in cui sarà inserito, da ottobre 2022 la nostra Fondazione, in stretta collaborazione con il Comune e il Quartiere San Donato-San Vitale, coordina e gestisce un percorso di ascolto di accompagnamento alla progettazione con l’obiettivo di coinvolgere realtà interessate del territorio, comunità, cittadini e cittadine della zona, con una particolare attenzione ai più piccoli.

Il percorso si sviluppa attraverso due fasi principali di ascolto e coinvolgimento: la prima legata al territorio, per ascoltare e recepire bisogni e indicazioni; la seconda, che si terrà successivamente alla selezione del progetto vincitore, aperta a un confronto più ampio con la città, di lavoro sui contenuti a livello pedagogico e museale.

PRIMA FASE | ottobre-novembre 2022

La prima fase del percorso ha avuto l’obiettivo di raccogliere e mettere a sistema riflessioni, contributi, bisogni e desideri, in particolare relativamente all’inserimento del nuovo edificio all’interno del Parco e alla vocazione dell’area; all’integrazione e relazione che il nuovo edificio dovrà avere con le strutture già esistenti nel parco, agli usi e funzioni desiderate della nuova struttura, con particolare attenzione a quelle più aperte al territorio.

In particolare si sono svolti:

  • Incontro di allineamento e condivisione di informazioni, obiettivi e visione
    con il Comune, il Quartiere, la Biblioteca Luigi Spina, l’istituto scolastico IC11, scuola dell’infanzia Ada Negri e scuola primaria Romagnoli
  • Incontro con associazioni, scuole del territorio e biblioteca
    per informare le realtà attive sul territorio sulle trasformazioni che interesseranno l’area e per confrontarsi e ragionare insieme sulle connessioni e le relazioni tra il nuovo museo, la biblioteca e la Casa Gialla, e tra questi e il parco, sia in termini di spazio fisico che di vocazione
  • Due laboratori con le classi quinte delle scuole Saffi
    il primo dedicato all’esplorazione del parco Mauro Mitilini, Andrea Moneta, Otello Stefanini per indagare e mappare come lo spazio del parco viene vissuto dai bambini e dalle bambine e i loro desideri sulle sue future trasformazioni; il secondo dedicato al tema degli usi e delle funzioni degli spazi del nuovo museo.
  • Incontro con i ragazzi e le ragazze che frequentano la Casa Gialla e la Biblioteca Spina
    per conoscere il modo in cui gli adolescenti e le adolescenti vivono i suoi spazi e il parco circostante, come vorrebbero vederlo trasformato e quali attività vorrebbero che ospitasse il nuovo Museo.
  • Festa di restituzione del lavoro dei bambini delle Scuole Romagnoli e coinvolgimento del corpo docente e dei genitori
    all’interno di questo incontro i bambini e le bambine hanno raccontato ai genitori e agli insegnanti presenti del polo scolastico del Pilastro le loro aspirazioni sulla nuova struttura. Parallelamente a ciò, i genitori hanno avuto la possibilità di integrare quanto detto con le proprie riflessioni tramite un questionario che è stato diffuso ai rappresentanti genitori delle varie classi.

Da questi incontri sono emersi utili indicazioni e temi prioritari: il nuovo Museo dovrà diventare un polo di livello cittadino e nazionale, ma anche presidio e servizio territoriale, avere una vocazione in costante dialogo con il territorio, dal quale apprende e al quale allo stesso tempo offrire nuove opportunità, prevedere esternamente un forte rapporto con la natura, spazi esterni innovativi e non convenzionali per giocare, una illuminazione in grado di rendere il parco fruibile anche in orario serale; rappresentare uno spazio di sperimentazione, un luogo educativo organizzato spazialmente in modo che l’edificio stesso sia giocabile, ma presenti anche aree in cui rilassarsi, aggregarsi e imparare.

La prima fase del percorso e i suoi esiti sono descritti nel “Documento della partecipazione”, pubblicato sulla piattaforma web del concorso di progettazione - affinché i progettisti che intendono candidare una proposta possano prenderne visione e tenerne conto in fase ideativa e progettuale.

» Scarica il Documento della partecipazione

Progetto finanziato dall'Unione europea - NextGenerationEU
M5 C2 Investimento 2.2 "Piani Urbani Integrati"

Non è stato trovato alcun elemento

Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline
Joomla
Unknown
Accept
Decline