Un luogo dove competenze, dati, formazione, spazi favoriscono lo sviluppo e il confronto fra cittadini, istituzioni pubbliche, associazioni e rappresentanti del mondo economico, sociale e culturale di Bologna.

2020 COLLETTIVE BANNER SITO FIU 1220x360

Il progetto si focalizza sulla "resilienza" della Comunità della Barca e individua nell'Edicola di Piazza Bernardi uno strumento per elaborare azioni volte a migliorare la qualità di vita degli abitanti, un hub multifunzionale per generare - "dentro e attorno" all'edicola - valore relazionale e coesione sociale. 

L'ambito d'intervento è il divario tra i bisogni delle famiglie (e in particolare dei bambini, ragazzi e degli anziani) e la capacità della comunità di appartenenza di dare risposte adeguate, attraverso la realizzazione di servizi di prossimità. L'intermediazione rispetto a tali bisogni è demandata alla "sensibilità" dell'Edicolante (la Cooperativa "il Passo della Barca") che, nella relazione quotidiana con il cittadino, saprà leggerli e coglierne il reale valore sociale e che ha "a disposizione" la conoscenza delle competenze presenti nella comunità, spesso sconosciute o non finalizzate.

Il Progetto, quindi, intende attivare una rete di operatori competenti e affidabili, in grado di offrire un servizio "collaborativo", caratterizzato dalla disponibilità all'intervento di pronto aiuto, dalla predisposizione a costruire legami empatici, dall'auto-reputazione di sè e degli altri, dalla condivisione di spazi e beni. Elemento qualificante del progetto è la circolarità delle azioni volte a far emergere le competenze presenti nella comunità, a identificare nuovi bisogni e a coinvolgere gli abitanti del quartiere, sollecitando coloro che hanno usufruito di un servizio a rendersi disponibili come risorsa per nuovi servizi. 

LUOGO: Borgo Panigale - Reno
PROPONENTE: Il Passo della Barca
RETE: Legacoop Bologna, Quartiere Borgo Panigale-Reno,  ASP Città di Bologna, La Bottega di Esperì APS, Housatonic, Immagina di Ivano Macchiavelli, Associazione culturale “La Maison”, Uorcaha Giuseppina