Una nuova edizione del Civic Hackathon bolognese e una call aperta che invita le scuole a trasformarsi in centri civici del territorio, veri e propri motori della vita di comunità: ritorna con la settima edizione il Premio Bologna Città Civile e Bella promosso dal Centro Antartide di Bologna, con il supporto di Hera, la Media partnership de Il Resto del Carlino e la collaborazione di Tim Working Capital.

Grande rilievo viene dato in questa edizione alle scuole, che vedono aumentare a 1.500 euro il premio in denaro a loro dedicato nella categoria “A scuola di comunità”: gli istituti di diverso ordine e grado sono invitati a presentare progetti di innovazione civica in ambito educativo e in particolare attività finalizzate a migliorare il benessere e la coesione sociale del territorio, che promuovano il protagonismo della comunità scolastica in rete con i soggetti formali e informali della città. Con la convinzione che le comunità educanti, sia nella veste di enti formativi che in quella di veri e propri centri civici del territorio, giochino un ruolo fondamentale per lo sviluppo di quel senso civico e di comunità così strategici per la creazione del capitale sociale cittadino.

 

Accanto a questa, viene rinnovata anche la categoria tradizionale “Bologna Città Civile e Bella”, un premio aperto ai gruppi di cittadini attivi, formali e informali, associazioni ma anche imprese che potranno presentare idee e progetti innovativi ancora da realizzare o in fase di start up, che riguardino il miglioramento a 360° della vita della città e che incidano sul benessere della comunità o dei cittadini, sulla cura dei luoghi intesi come spazi strategici per il community building, la qualità degli spazi e dell’ambiente, la coesione sociale. In palio 1000 euro per la realizzazione del progetto.

Ci sarà tempo fino al 15 gennaio 2018 per la presentazione dei progetti. 

2017 12 11 114353 1513100175 93744