Dal 05.05 al 29.05.2022

Dal 5 al 29 maggio 2022 arriva in Auditorium Biagi di Salaborsa NEAR+FUTURES+QUASI+WORLDS, una mostra collettiva che, attraverso lo sguardo di tredici artisti di fama internazionale, esplora il rapporto tra arte, scienza e tecnologia

La mostra è una delle prime produzioni di Serra Madre, il nuovo centro di produzione artistica di Kilowatt creato per far dialogare arte, ricerca e imprese per contribuire a risolvere una delle principali sfide di questa generazione: il cambiamento climatico e lo sfruttamento delle risorse naturali.

L’esposizione, realizzata in collaborazione con la nostra Fondazione e patrocinata dal Comune di Bologna, si trova presso l’Auditorium Biagi di Salaborsa e fa parte del programma istituzionale di Art City 2022.
 
NEAR+FUTURES+QUASI+WORLDS vuole invitare i cittadini, le istituzioni, gli stakeholder del settore e la comunità creativa a esplorare il ruolo chiave che la collaborazione e l'interdisciplinarietà in ambito scientifico, tecnologico e artistico può svolgere nell’indagare le complessità del mondo contemporaneo, oltre a promuovere le forme più innovative di creazione artistica. In molti casi, le artiste e gli artisti selezionati hanno collaborato con laboratori di ricerca e stakeholder del mondo delle imprese per sviluppare progetti di impatto globale negli ultimi sette anni.

Espongono Refik Anadol, artista di fama mondiale nel campo dell'arte digitale e un riferimento di spicco nell'uso delle reti neurali per produrre opere visive innovative; Forensic Architecture, un gruppo di ricerca multidisciplinare che collabora con organizzazioni internazionali ed enti non governativi, tra cui Amnesty International e l'ONU, per le indagini sui casi aperti di giustizia sociale e violazione dei diritti umani; Iris Van Herpen, pioniera di fama mondiale nel fashion design biomorfico e ispirato alla natura che esplora nuovi materiali e strutture. La mostra presenta anche le opere di Julia Koerner, Egor Kraft, Kasia Molga and Scanner, Evelina Domnitch and Dmitry Gelfand, Félicie d’Estienne d’Orves, Ralf Baecker, So Kanno and Etsuko Yakushimaru.

NEAR + FUTURES + QUASI + WORLDS è stata ideata e curata da Manuel Cirauqui, curatore del Guggenheim Museum di Bilbao con la collaborazione della curatrice associata Silvana Fiorese.

La mostra sarà inaugurata da un convegno in programma mercoledì 4 maggio dalle ore 16 nella Piazza coperta di Salaborsa. 
Saranno presenti: Anna Lisa Boni, Assessora Comune di Bologna ai fondi europei/PNRR, transizione ecologica e relazioni internazionali; Antonio Navarra, Presidente della Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) e docente Alma Mater Università di Bologna; Patrizia Toia, Europarlamentare del Partito Democratico e Vice Presidente Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberto Paura, giornalista, scrittore e divulgatore scientifico, co-fondatore e presidente dell'Italian Institute for the Future; Manuel Cirauqui, curatore della mostra; Giulia Tomasello, interaction designer; Luca Baraldi, responsabile corporate identity Ammagamma; Matteo Lepore, sindaco di Bologna, che inaugurerà ufficialmente la mostra al termine dell'incontro; Federico Bomba, direttore artistico Sineglossa; Nicoletta Tranquillo, co-founder Kilowatt. 
 
5 29 maggio
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.