Dal 05.05 al 29.05.2022

Dal 5 al 29 maggio 2022 arriva in Auditorium Biagi di Salaborsa NEAR+FUTURES+QUASI+WORLDS, una mostra collettiva che, attraverso lo sguardo di tredici artisti di fama internazionale, esplora il rapporto tra arte, scienza e tecnologia

La mostra è una delle prime produzioni di Serra Madre, il nuovo centro di produzione artistica di Kilowatt creato per far dialogare arte, ricerca e imprese per contribuire a risolvere una delle principali sfide di questa generazione: il cambiamento climatico e lo sfruttamento delle risorse naturali.

L’esposizione, realizzata in collaborazione con la nostra Fondazione e patrocinata dal Comune di Bologna, si trova presso l’Auditorium Biagi di Salaborsa e fa parte del programma istituzionale di Art City 2022.
 
NEAR+FUTURES+QUASI+WORLDS vuole invitare i cittadini, le istituzioni, gli stakeholder del settore e la comunità creativa a esplorare il ruolo chiave che la collaborazione e l'interdisciplinarietà in ambito scientifico, tecnologico e artistico può svolgere nell’indagare le complessità del mondo contemporaneo, oltre a promuovere le forme più innovative di creazione artistica. In molti casi, le artiste e gli artisti selezionati hanno collaborato con laboratori di ricerca e stakeholder del mondo delle imprese per sviluppare progetti di impatto globale negli ultimi sette anni.

Espongono Refik Anadol, artista di fama mondiale nel campo dell'arte digitale e un riferimento di spicco nell'uso delle reti neurali per produrre opere visive innovative; Forensic Architecture, un gruppo di ricerca multidisciplinare che collabora con organizzazioni internazionali ed enti non governativi, tra cui Amnesty International e l'ONU, per le indagini sui casi aperti di giustizia sociale e violazione dei diritti umani; Iris Van Herpen, pioniera di fama mondiale nel fashion design biomorfico e ispirato alla natura che esplora nuovi materiali e strutture. La mostra presenta anche le opere di Julia Koerner, Egor Kraft, Kasia Molga and Scanner, Evelina Domnitch and Dmitry Gelfand, Félicie d’Estienne d’Orves, Ralf Baecker, So Kanno and Etsuko Yakushimaru.

NEAR + FUTURES + QUASI + WORLDS è stata ideata e curata da Manuel Cirauqui, curatore del Guggenheim Museum di Bilbao con la collaborazione della curatrice associata Silvana Fiorese.

La mostra sarà inaugurata da un convegno in programma mercoledì 4 maggio dalle ore 16 nella Piazza coperta di Salaborsa. 
Saranno presenti: Anna Lisa Boni, Assessora Comune di Bologna ai fondi europei/PNRR, transizione ecologica e relazioni internazionali; Antonio Navarra, Presidente della Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) e docente Alma Mater Università di Bologna; Patrizia Toia, Europarlamentare del Partito Democratico e Vice Presidente Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberto Paura, giornalista, scrittore e divulgatore scientifico, co-fondatore e presidente dell'Italian Institute for the Future; Manuel Cirauqui, curatore della mostra; Giulia Tomasello, interaction designer; Luca Baraldi, responsabile corporate identity Ammagamma; Matteo Lepore, sindaco di Bologna, che inaugurerà ufficialmente la mostra al termine dell'incontro; Federico Bomba, direttore artistico Sineglossa; Nicoletta Tranquillo, co-founder Kilowatt. 
 
5 29 maggio
 
Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline
Joomla
Unknown
Accept
Decline