Banner EU

Un importante, anche se sottovalutato, sottoprodotto dell'urbanizzazione è l'aumento esponenziale dell'esposizione umana alla luce artificiale. L'illuminazione esterna, il bagliore artificiale del cielo, l'illuminazione domestica, gli schermi che emettono luce, ecc. governano l'orologio circadiano delle persone. Nonostante le evidenze scientifiche di quanto disturbare il ritmo circadiano abbia un impatto sull'emergere di disturbi del sonno, sul metabolismo, la funzione immunitaria e molti aspetti del comportamento e dell'umore, le città dell'UE si stanno concentrando soprattutto sul miglioramento dell'efficienza dei servizi di illuminazione, sulla riduzione dei costi e delle emissioni, ma non considerano l'impatto dell'illuminazione sulla salute e sul benessere.

Attraverso un atlante aperto on-line dedicato all'illuminazione urbana e alla salute, ENLIGHTENme raccoglierà e sistematizzerà i dati esistenti e le buone pratiche sull'illuminazione urbana ed effettuerà uno studio accurato sulle correlazioni tra salute, benessere, illuminazione e fattori socio-economici in 3 città pilota - Amsterdam, Bologna e Tartu - dove un quartiere target sarà selezionato per la sua esposizione alla luce artificiale e per riflettere le disuguaglianze sociali. 
 
Attraverso l'istituzione di Lighting Urban Labs all'interno del distretto, i cittadini e gli stakeholder co-creeranno misure innovative di Piani Urbani di Illuminazione e definiranno l'implementazione di un sistema di illuminazione esterna intelligente e di cambiamenti dell'illuminazione interna in un'area pilota all'interno del distretto. Uno studio basato sulla popolazione di anziani  che vivono nei quartieri oggetto di analisi e che saranno considerati come un gruppo vulnerabile particolarmente incline a soffrire di disallineamento circadiano, permetterà di valutare i rischi legati all'illuminazione sulle condizioni mentali e di salute e le indagini che coinvolgeranno la popolazione e gli utenti del distretto nel suo complesso permetteranno di valutare gli impatti dell'illuminazione urbana sulla qualità della vita e sul benessere.

I risultati permetteranno di sviluppare un Sistema di Supporto alle Decisioni dedicato e linee guida e raccomandazioni sull'impatto dell'illuminazione sulla salute e sul benessere, proponendo politiche, misure, tecnologie e interventi innovativi di illuminazione volti a migliorare la salute e il benessere dei cittadini nelle città.

Programma: H2020-SC1-2020-Two-Stage-RTD RIA
Capofila: Università di Bologna (Dipartimento di Architettura)
Obiettivo: valutare e migliorare la qualità di vita dei cittadini grazie a un miglioramento dell’illuminazione artificiale.
Ruolo Fondazione per l'Innovazione Urbana: partner
Budget: € 49.523,75
Cronoprogramma: inizio entro dicembre 2020. Durata: 48 mesi.

Aggiornamenti Progetti Europei FIU